contrade solidali rom-sinti-gagi, gruppo rcerc-azione di comunimappe


Contrade solidali rom-sinti-gagi’ , gruppo di ricerc-azione ‘di comunimappe promuove incontro di analisi,progettazione ed azione sociale e culturale
 SABATO 14 OTTOBRE 2017                                                                                                        ZONA ORTIVA-VIA ERBOSA 17 – BOLOGNINA  (ACCANTO A CAMPO SINTI)                                                        
  DALLE ORE 17 ALLE 19
Percorsi possibili di ricerc-azione  nelle periferie e nelle scuole della nostra città:
1 – laboratori interculturali nelle classi                                                                                              camminare insieme tra nativi, migranti di ieri e di oggi presenti in città, per generare a partire dalla scuola, primo presidio culturale nei territorio, legami di reciprocità tra le nuove generazioni.  
In un processo situazionale attraverso un’interazione aperta tra mediatori interculturali, analisti psico-sociali, artisti, docenti e studenti: decostruire la diffusa reattività verso  il basso. Reattività alimentata da non conoscenza,pregiudizio, stigma e richieste di discriminare tutti coloro che non sono considerati ‘simili’;
2 – progetto memoria
mostra fotografica sul Porrajmos, per ricordare lo sterminio nazi-fascista delle genti rom,  ma non solo. Per ricordare lo sterminio di tutti quelli considerati, in quel tempo, come non ‘simili’: rom, ebrei, omosessuali, lesbiche, testimoni di Geova, oppositori politici democratici conservatori e radicali ecc
allestimento di uno spazio
– che comunichi al visitatore: spersonalizzazione, annientamento e nessuna possibilità di evasione o  via di fuga
-di silenzio e di riflessione al fine di trasmettere  memoria tra generazioni incontrando attraverso le immagini gli occhi smarriti e i corpi denudati e spersonalizzati di tutte le loro molteplici forme di vita e predestinati ai lavori forzati e allo morte.
3 –camminiamo insieme rom,sinti e gagi per l’affermazione dei diritti culturali e sociali delle nuove comunità urbane rom e sinti in città.

Momenti di incontro e solidarietà per sostenere e dare voce e restituire i diritti negati, quali quelli culturali e sociali, delle  comunità urbane rom e sinti della città,  presenti nel territorio ormai da secoli (1422) ,                                                                                                               
 diritti culturali  come  la lingua, la storia e la cultura e  la vita di relazione;                                  diritti sociali, quale  il diritto ad abitare.
                                                                                                     
 I Sinti della bolognina hanno scelto per sè come soluzione abitativa condivisa con il Comune, le micro-aree;  spazi di transizione dal campo ‘nomade’ a micro-aree nel quartiere, per garantire ai  bambini e ai ragazzini di frequentare le stesse scuole nel quartiere Navile e agli adulti di avere uno spazio familiare allargato e responsabilizzato.
Antonella trombetta e pino demarch -editano testo comune per comunimappe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.