CORSO SEMESTRALE DI AUTO-FORMAZIONE SULLE CULTURE, LINGUE ED ESISTENZE (COME RESILIENZE)  DELLE GENTI  ROMANì

CORSO SEMESTRALE DI AUTO-FORMAZIONE SULLE CULTURE, LINGUE ED ESISTENZE (COME RESILIENZE)  DELLE GENTI  ROMANì  PROMOSSO DALLA LIBERA COMUNE UNIVERSITA’ PLURIVERITA”  BOLOGNINA IN COOPERAZIONE DAL BASSO CON CESP-CENTROSTUDI PER LA SCUOLA PUBBLICA E L’MCE-MOVIMENTO DI COPERAZIONE EDUCATIVA -BOLOGNA CITTA’ COSMOPOLITA                                                                                                                                                                                                                

 
5ª LEZIONE INTERATTIVA
LA ROMANIPE’  o la storia, la lingua, la cultura, le narrazioni e la poesia
GIOVEDÌ 16 MARZO 2017 DALLE ORE 16,30 ALLE 18,30
PRESSO CENTRO CIVICO MARCO POLO -VIA MARCO POLO 51
Pino De March presenta i due ospiti Fabien Bassetti eTeresa Rossano  del corso semestrale
1                                                                                                                                                             Pino de March apre Relaziona su  romanipè, paramicia  e poetiche romanì
2                                                                                                     
Fabien Bassetti                                                                                                                                l’immaginario in divenire nomade e rom
3                                                                                                                                                                         
Teresa  Rossano                                                                                                                                presenta libro di Majgull Axelsson, “Io non sono Mirian”, edizioni Iperborea
4                                                                                                                                                                                         Lettura bilingue Aghiran (ballerino rom) e  Pino de March di alcune poesie del poeta rom bosniaco Marco Aladin Sejdic e della poeta rom polacca Papuzsa
BIO-POLIS-
 GRAFIE                                                                                                                                                             
 Fabien Bassetti, storico delle culture romanì e nomadi                                                                             TeresaRossano, femminista e docente storia e  letteratura del Cesp                                                         Pino De March, ricercatore comune attivo COMUNIMAPPE-CESP-MCE e  psicologo relazionali neo-umane e ricercatore attivo di poesia e letteratura  di strada, migrante e marginale                                                                                                                   
Testo della poeta partigiana rom polacca Papuzsa
DIKHAW DAJ, DIKHAW DOJ
 (Guardo qui, guardo là)
Dikháw daj, dikháw doj
1
Saro zdral, sundal sal!
Opr-o boliben čerhenja rakeren,
citron, zdran ratjanca khetane!
Čerhenora.
2
Kon len xaljól,
te sovél na kamél,
pre Thuditko Drom dikhél
dava drom baxtalo,
ližal manušen
ka lačho žjipen.
3
Dikháw daj thaj doj dikháw
sar pes morel ruputno čhon andre panja,
sar terne  čhaja
dre tate paš-o veš panja.
So pes kerel?
Saro zdral.
Sundal sal!                                                               
1
Guardo qui, guardo là.
Tutto danza! Il mondo ride!
Nel cielo le stelle tremano,
scintillano, parlano insieme nella notte!
2
Le piccole stelle.
Chi le comprende
non vuole più dormire,
guarda la Via Lattea,
la via della felicità
che chiama gli uomini
a una buona vita.
3
Guardo qui, guardo là,
l’argentea luna si bagna nelle acque,
come una giovane ragazza
nel tiepido ruscello del bosco.
Che sta mai succedendo?
Tutto danza!
Il mondo ride!
1951
testo del poeta rom bosniaco Marco Aladin Sejdic dall’antologia -ME AVAV DURAL     IO VENGO DA LONTANO
ANDE’ DUJ MILJE BRS
Ancora nel duemila  il gagiò chiede al rom:
“chi sei tu e da dove vieni?”.
Il rom risponde:
“io sono di carne,
dentro di me ci sono le ossa,
dentro di me c’è il sangue,
l’anima, la fratellanza, la fiducia,
il sorriso, il pianto,
la fortuna e la sfortuna.
Da dove vengo io?   Io vengo da lontano.
Mi ha partorito il vento o mi ha creato la pioggia,
vengo dal freddo e sono uscito dalla neve
sono stato creato dall’acqua o sono nato dal fuoco?
No!  Io vengo da lì, da dove vengono tutti gli uomini
E anch’io sono un uomo”.
Il gagiò dice: “sei un uomo,
perché non vivi come un uomo, come noi?”
il rom risponde:
“Oggi nel duemila ti sei ricordato
Che io rom non vivono come te.
Tu, gagiò, hai diviso gli uomini,
i bianchi da una parte i neri dall’altra;
da una parte i buoni e dall’altra i cattivi.
Hai diviso la religione,
a tutti hai dato una religione,
ma me rom mi hai lasciato su un prato,
perché mi sferzi il vento e mi bagni la pioggia,
mi congeli il freddo e mi copra la neve.
Mi hai lasciato indietro, nel tempo passato.
E oggi chiedi a me chi sono, da dove vengo,
e se sono un uomo perché non vivo come un uomo ?”
per contatti                                                                                                                                                                       e-mail: comunimappe@gmail.com
2016 – gruppo di nuova attivazione – libera comune università pluriversità – bolognina
blog : comunimappe.blogspot.com                                                                                                                                                                                    
curatore delle pagine dicomunimappe: pino de march

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.